.
Annunci online

un gruppo di amici... di tutto di più... e di tutto un po' :-D
A' Livella - Totò
post pubblicato in Poesia, il 25 febbraio 2012


Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella 
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia totò a' livella

permalink | inviato da kaddo il 25/2/2012 alle 9:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Libia, crimini e corti
post pubblicato in Politica, il 29 giugno 2011


La notizia di questi giorni è il mandato di cattura spiccato dalla Corte Penale Internazionale contro Gheddafi... ma vediamo perché:

uno spaccato dei crimini dei libici ce lo da questo filmato di Report, ritrasmesso da Rainews



a seguito di questi e di altri episodi la CPI spicca un mandato di cattura per crimini contro l'umanità


Solo 4 mesi fa, la richiesta mondiale di giustizia per i crimini commessi in Libia e il Consiglio di Sicurezza dell'ONU all'unanimità hanno richiesto l'intervento della Corte Penale Internazionale. Ieri, la Corte ha trasmesso la sua prima decisione, spiccando mandati di arresto per Muhammar Gheddafi, il figlio Saif Al-Islam Gheddafi e Abdullah Al Senussi per aver ucciso civili sulle strade e per le vaste persecuzioni nei confronti dei dissidenti nelle loro case e per crimini contro l'umanità. I Giudici considerano che questi debbano essere arrestati per prevenire questi dall'uso dei loro poteri nel continuare la commissione di tali crimini.


Questa è la vera reazione della comunità internazionale e su questo si dovrebbe lavorare, non con i bombardamenti che per forza di cose si riperquotono soprattutto sui civili...

Auspico, personalmente, che sempre più e sempre più Paesi percorrano la strada della giustizia invece della strada della forza.
Marx e Allen, il vecchio e il nuovo due maestri della comicità a confronto
post pubblicato in Città o campagna?, il 24 giugno 2011


di WOODY ALLEN e GROUCHO MARX
<B>Marx e Allen, il vecchio e il nuovo<br>due maestri della comicità a confronto</B>

Woody Allen
negli anni Sessanta


Groucho. Deve essere caldo fuori oggi. Nessuno porta il cappello. 

Woody
. Sì, si gela. Sono diciassette gradi o giù di lì. 

G. Ma se non indossi un cappello vuol dire che non è freddo. 

W. La pensi così? 

G. Si può indossare qualcos'altro. Io porto biancheria pesante (mostra la maglia che indossa sotto la camicia su cui è scritto "Dì che ti manda Groucho"). Se avessi la mia età, la porteresti anche tu. E ti metteresti un cappello. 

W. Invecchiando si soffre di più il freddo. 

G. Hai maledettamente ragione. L'ultima volta che ho visto Chaplin, tutto quello che mi ha detto è stato: "Copriti bene. Copriti bene". 

W. Che anno era quando ti disse così? 

G. Fu quando ricevette l'Oscar. Venne in California. Avevamo fatto colazione insieme e quando stava per andarsene mi mise un braccio intorno alle spalle e disse: "Groucho, copriti bene". Allora non sapevo cosa volesse dire, ma adesso lo so. Perciò, quando invecchierai, indossa qualcosa di pesante. E anche un cappello. 

W. Ho capito. 

G. Una volta mi disse: "Vorrei parlare sullo schermo come fai tu". Chaplin era grande ma non lavora più. Ha avuto un insuccesso clamoroso, La Contessa di Hong Kong. Il peggior film che abbia mai visto. C'era anche Marlon Brando. Voglio andare a vedere il nuovo film di Brando [Ultimo Tango a Parigi] perché dicono che ci siano molti spunti da prendere. 

W. Hai mai visto un film pornografico? 

G. No, non mi interessano. Ho visto delle ragazze nude. 

W. Hai dato un concerto dopo quello al Carnegie Hall? 

G. Sì. Ho suonato a Los Angeles e a San Francisco, per Bill Graham. San Francisco è una città eccitante.

W. Già. Ed è così piccola, ma è più eccitante di Los Angeles. 

G. Ricordo la prima volta che da New York siamo andati a Los Angeles. Allora Beverly Hills non esisteva. 

W. Ti piaceva di più allora? 

G. Molto di più. A quel tempo si sentiva soltanto il profumo dei boccioli d'arancio e di limone. Chico diceva che in California i fiori non sanno di niente ma che le donne profumano. Avrebbe dovuto sentire. 

W. Come si chiamavano gli studi vicino all'aeroporto? 

G. Mgm. Abbiamo girato cinque film alla Mgm. Due con Thalberg. Era il migliore. 

W. Lo so, te l'ho sentito dire. Ho sempre sentito pareri molto discordi su Thalberg. So che tu andavi matto per lui. 

G. Era un maestro. Il primo film che ha fatto con noi fu Una notte all'opera. Poi ne abbiamo iniziato un altro, Un giorno alle corse, ed è morto mentre lo giravamo. Era più giovane di me quando morì. Accadde nel 1936. Adesso siamo nel 1974 e sono ancora vivo. 

W. Come facciamo a saperlo? 

G. Lo so quando mi alzo al mattino. Se non mi alzo, significa che sono morto. 

W. Hai ancora quel letto che... 

G. Sì! E se vuoi dormire da me, beh, non fare il ritroso. 

W. È stata la prima volta che ho visto un letto che ti ronza sotto i piedi, sotto la schiena, dove ti pare. È quell'interruttore sotto il materasso. 

G. Faccio tutto con un telecomando - la televisione, le luci, tutto - così posso restare a letto per giorni interi senza dovermi mai alzare. 
<B>Marx e Allen, il vecchio e il nuovo<br>due maestri della comicità a confronto</B>

Groucho Marx
in una foto d'epoca


W. Chi sono i tuoi amici? [...] 

G. Ho otto o dieci amici. 

W. Perciò durante il giorno ti rilassi, incontri gli amici e giocate a carte... 

G. Non gioco a carte. 

W. Non giochi a carte. Cosa fai? 

G. Leggo molto. Robaccia. 

W. Ah! Non ti annoi dopo due ore che leggi? 

G. No. Ne leggo altra. [...] 

W. Hai mai seguito qualche tipo di dieta? 

G. Mangio tutto quello che voglio. Occasionalmente anche qualche ragazza. 

W. Torniamo a Charlie Chaplin. Eravate amici anni fa? 

G. Sì. Lo conobbi più di sessant'anni fa, in Canada. Un paio di settimane fa ho cercato di guardare uno dei suoi film, ma Chaplin non è più molto divertente. 

W. Penso che abbia fatto tre grandi film. Li hanno riproposti tutti, e credo che tre siano ancora divertenti, ma gli altri no. Beh, forse tre e mezzo, direi. Alcuni sono sdolcinati. Mi piacciono Tempi moderniLuci della città e La febbre dell'oro. Gli altri mi sembrano noiosi. Il grande dittatore non mi piace, e nemmenoMonsieur Verdoux e Luci della ribalta. Conoscevi Keaton? 

G. Sì. 

W. Lo trovavi divertente? 

G. Sì. Lavorava con Harpo quando eravamo alla Mgm. Faceva delle gag. 

W. Trovavi divertenti i suoi film? Il navigatore o Come vinsi la guerra

G. Sì. Il navigatore lo trovo fantastico. Ma sai, eccetto te, non ci sono più attori comici. 

W. Per qualche motivo, adesso nessuno fa più film comici. Non so perché. La gente me lo chiede continuamente, ma non so quale sia la ragione. 

G. Sono difficili da fare. 
<B>Marx e Allen, il vecchio e il nuovo<br>due maestri della comicità a confronto</B>

Allen sulla copertina di Time


W. Sì, fisicamente difficili, vuoi dire. Non c'è più nessuno che cerchi di fare un film comico. Per qualche anno c'è stato Jerry Lewis. 

G. L'estate scorsa, quando sono andato in Francia, mi hanno chiesto cosa pensassi di Jerry Lewis e io ho risposto che quando lavorava con Dean Martin era molto bravo. 

W. La cosa che non riesco a capire è questa: come mai c'è stata un'epoca in cui c'erano sei, otto o dieci comici del tuo calibro - Keaton, Chaplin, te, Fields - perché in un determinato momento ce ne sono un sacco e poi, improvvisamente, non ce n'è più nessuno? 

G. Non credi che questo abbia a che vedere con la scomparsa del vaudeville? Quando è finito il vaudeville non c'è stato più spazio per la comicità. 

W. Quelli erano tutti comici del vaudeville, del music hall. Per me è una cosa incredibile. Sono stupefatto perché é stato un po' come il Rinascimento, come i pittori impressionisti: sono arrivati tutti in una volta. Hai mai visto un film di Bob Hope che ti sia piaciuto? 

G. Ne ha appena fatto uno, Prenotazione annullata. Non l'ho ancora visto. 

W. E venti anni fa, negli anni Quaranta e Cinquanta? 

G. Penso che anni fa, quando recitava con Crosby, abbiano lavorato molto bene insieme. Al pubblico piacevano. Hope è un uomo divertente e Bing è un ottimo cantante. 

W. Non ho mai trovato divertente Harold Lloyd. E nemmeno Stanlio e Ollio. 

G. Tutto quello che Lloyd sapeva fare era arrampicarsi sugli edifici. 

W. Allora, qual era la differenza tra Chaplin e Keaton? Perché Chaplin era più popolare di Keaton? 
<B>Marx e Allen, il vecchio e il nuovo<br>due maestri della comicità a confronto</B>

Marx sulla copertina di Time


G. Penso che dipenda dal fatto che Keaton ha fatto un paio di bei film divertenti, mentre Chaplin ne ha fatti molti. 

W. Credi? Trovavi divertenti tutti quei two-reelers e quei cortometraggi? 

G. No, ma ricordo quando Chaplin ne ha fatto uno intitolato La strada della paura, dove Chaplin interpreta un poliziotto. 

W. Esatto. Quello è molto bello. 

G. È un film divertente. Veramente divertente. 

W. È molto breve. Penso che Keaton fosse più bravo come cineasta ma Chaplin era un uomo più divertente. 

G. Forse l'epoca degli attori comici è finita, fatta eccezione per te. [...] 

W. Raccontami come hai conosciuto Chaplin in Canada. 

G. Non è una gran storia. È stato molto tempo fa. C'erano due teatri, il Pantages e il Sullivan-Cousidine. Non ne avrai mai sentito parlare perché sei troppo giovane. 

W. Ho sentito parlare del Pantages. 

G. In ogni modo, stavamo recitando in Canada, e anche Chaplin. Stava facendo una commedia intitolata A Night at the Club. Era una commedia molto divertente. In quella commedia c'era una vecchia nobildonna che cantava. Mentre stava cantando, Chaplin masticava una mela e gliela sputava in faccia. Questo era il genere di commedie che faceva sessant'anni fa. Tutti i miei fratelli giocavano a biliardo. Non erano dei professionisti, ma erano bravi. Quando arrivammo a Winnipeg, i ragazzi sparirono alla ricerca di una sala da biliardo. Avevamo un intervallo di circa tre ore prima di partire per la costa. Dal momento che io non gioco a biliardo, non scommetto e non gioco a carte - di tanto in tanto fumo, quello che basta per tossire - passo davanti a questo squallido teatro, il Sullivan-Considine. Lo supero e sento un fortissimo scroscio di risate. Così pago dieci cent e entro. Fu la cosa più divertente che abbia mai visto. 

W. Perché la cosa più divertente? 

G. Lui era talmente buffo. 

W. Cosa faceva? 

G. Cose pazzesche. Si muoveva in modo assurdo. Così [Groucho dà una dimostrazione]. 

W. E gli altri cosa facevano? 

G. Dopo tanti anni, non me lo ricordo. Ma so che conobbi Chaplin a Winnipeg. Lui apparteneva al Sullivan-Considine Circuit e noi al Pantagenes Circuit. Aveva una camicia che ha indossato per sei settimane, perché guadagnava soltanto venticinque dollari a settimana e non voleva spendere denaro per comprare una camicia pulita. Abbiamo fatto amicizia. La settimana successiva lo andai a trovare in camerino e gli dissi che lo trovavo eccezionale. In seguito, durante la tournée canadese ci ritrovammo ogni settimana nelle stesse città. Non riesco a ricordare tutti i posti in cui siamo stati perché è successo tanto tempo fa, ma ricordo che andavamo insieme al casino. 

W. Um-hmm. 

G. Perché in quelle città non c'era un posto in cui un attore potesse andare, tranne, se si era fortunati, andare a rimorchiare una ragazza. Ma di regola, non si trattava di una ragazza. Bisognava andare in una casa di tolleranza, e imparammo a conoscerci. Non insieme. Voglio dire, non stavo insieme a lui. Ero con lui ma non... 

W. Ho capito. A quell'epoca non aveva mai fatto film. 

G. Non aveva mai fatto niente. 

W. Non parlava mai di film? Ti ha mai detto che avrebbe voluto farne uno? 

G. No, non gli era mai venuto in mente. Aveva molto successo con la sua commedia. Poi, quando siamo arrivati a Seattle, Mack Sennet lo vide recitare in A Night at the Club, e si offrì di ingaggiarlo. Un giorno lo incontrai e gli dissi: "Ho saputo che Mack Sennet ti ha proposto di lavorare con lui, ho saputo che ti offre duecento dollari a settimana". E lui rispose: "Ho rifiutato". Io esclamai: "Tu devi essere pazzo! Hai rifiutato duecento dollari a settimana per questa ignobile commedia vaudeville con cui ne guadagni soltanto venticinque?". Chaplin rispose: "Me ne rendo conto. Nessuno può valere duecento dollari a settimana. E se non andassi bene, che fine farei? Ho rifiutato. Non lavorerò per lui". Aveva paura, e subito dopo tornò in Inghilterra. Sei anni dopo lavoravo per l'Orpheum Circuit... 

W. Ti devo interrompere un momento. Saresti stato contento se Sennett all'epoca ti avesse offerto di comparire in un film? 

G. No. Lavoravo assieme ai miei fratelli, ma loro erano impegnati con il biliardo. 

W. Ma supponiamo che Sennett vi avesse voluti tutti a lavorare nel cinema. Cosa avresti pensato a quel tempo? Avresti accettato l'offerta di Sennett e recitato nel cinema muto? 

G. Probabilmente no. 

W. Perché no? 

G. Perché non pensavamo di essere abbastanza bravi da valere duecento dollari a settimana. 

W. Ma questa è la stessa ragione addotta da Chaplin! 

G. Sì. 

W. Ma quello che voglio capire è se pensi che i Fratelli Marx avrebbero potuto lavorare per il cinema muto. Ovviamente, Chaplin l'ha fatto. Pensi che voi sareste stati divertenti, avreste potuto recitare in un film muto? 

G. Prima di tutto, Harpo non diceva una parola durante lo spettacolo. 

W. Questo è un buon argomento. 

G. E, se riusciva a trovare una signora, neanche Chico parlava. 

W. Um... 

G. Perciò l'unico che parlava ero io. 

W. Sei il perno attorno al quale ruota lo spettacolo. Perciò pensi che se Mack Sennett vi avesse voluto, i Fratelli Marx avrebbero fatto divertire il pubblico nel cinema muto? 

G. Noi abbiamo fatto dei film muti. Ed è stato il più grande insuccesso di tutti i tempi. 

W. Quando? 

G. Attorno al 1921. Abbiamo investito ciascuno un migliaio di dollari e siamo andati nel New Jersey. L'abbiamo girato prevalentemente lì, in una proprietà accanto al teatro in cui stavamo lavorando. 

W. Com'era intitolato? 

G. Humorisk. Non mi ricordo un granché, tranne che io facevo la parte del cattivo, ed è stato proiettato soltanto una volta, nel Bronx, a una matinée destinata ai bambini. Mi piacerebbe trovarne una copia. In ogni caso, eravamo più interessati a Broadway che al cinema. 

W. Broadway era certamente più importante, a quell'epoca. Ma, come stavi dicendo, sei anni più tardi Chaplin ritornò... 

G. Chaplin ritorna, e noi stavamo recitando per l'Orpheum Circuit. Io parlavo, Chico parlava e Harpo non aveva niente da dire. Lui faceva soprattutto delle pantomime. Ed era divertente. Così, a Los Angeles, riceviamo un invito da parte di Chaplin che ormai è una stella del cinema. Era così ricco che aveva comprato la casa di Mary Pickford. Era una grande star degli studio che presto visiterai ad Hollywood. Ci invitò a casa sua e c'era un maggiordomo vestito di nero dietro ogni invitato e piatti d'oro massiccio. Mangiammo magnificamente! Ma quando mi disse "Nessuno può valere duecento dollari a settimana", capii che era pazzo, o qualcosa del genere. Oppure non si sentiva sicuro a recitare nel cinema. Era diventato il più grande divo dello schermo e noi recitavamo ancora commedie di poca importanza. 

W. Dopo aver ottenuto un tale successo, Chaplin ti sembrò diverso? 

G. Mi sembrò più ricco. 

W. Non ti interessa più scrivere qualcosa? 

G. Ho scritto cinque libri. Mi pare sufficiente. 

W. Quali ho visto? Ho visto Memoirs of a Mangy Lover (Memorie di un irresistibile libertino) e... 

G. Quello era orribile. Voglio dire, irresistibile... 

W. Ho letto The Groucho Marx Letters, ma non penso a questo come ad un libro. È stato il primo? 

G. Ci sono stati BedsMany Happy Returns e Groucho and Me

W. Quello a cui mi riferisco è Beds. È fuori stampa, ma una persona che conosco ne ha una copia... 

G. Io non ne ho neanche una. Non riesco a trovarla. È un libro molto sottile. 

W. Hai in programma di fare qualche altro film? 

G. Qualcuno sta realizzando un documentario su di me. Nel frattempo ho in programma di morire... 

W. Questo è parlare chiaro! Hai una copia di Animal Crackers? 

G. Nessuno ce l'ha. [...] 

W. Si direbbe che ricordi un sacco di storie che risalgono a trentacinque o quarant'anni fa, e questo mi sorprende. Suoni ancora la chitarra? 

G. No. Non faccio niente. 

W. Niente del tutto? [...] 

G. Niente. Mi piace da morire. 

W. Ti alzi la mattina e leggi il Times

G. Il New York Times? No. Lo compro soltanto la domenica. Non ce la faccio a leggere le notizie per tutta la settimana. È troppo. Tu lo leggi tutti i giorni? 
W. Sì, tutti i giorni. Neanche a me piacciono molto le notizie. Ma le leggo tutti i giorni. [...] 

G. Quando verrai in California? 

W. Presto. Sto cercando una casa da prendere in affitto durante le riprese di Il Dormiglione. 

G. Una casa piccola? 

W. In realtà, non so come fai a vivere in California. Per me è incredibile che un uomo della tua acuta intelligenza sia capace di vivere sulla West Coast. 

G. Ci sono dei buoni negozi di dolci. [...] 

W. Ascolta, non so come dirtelo, ma devo andare. [...] 

G. Va bene, ti lasceremo da parte un po' di dolce. Parti domani? 

W. Sì. 

G. Ho conosciuto una signora in aereo che vorrebbe conoscerti. È una ragazza meravigliosa. Ha delle magnifiche tette, quella ragazza. Non hai mai rimorchiato una ragazza in aereo, eh? 

W. No. Leggo soltanto. 

G. Sai, racconto queste vecchie storie talmente spesso che me le dimentico. Penso che farò un sonnellino. Se dormo, non fumo. E se non fumo, non tossisco. Se non tossisco forse riesco a dormire. Non è la tosse quella che ti porta via, è la bara in cui ti mettono. 


Traduzione di Antonella Cesarini 
(©1978 -2006 Doubleday & Company ©2008 Edizioni Frassinelli, data d'uscita in Italia maggio 2008) 
Di Charlotte Chandler è uscito Ingrid Bergman e nel marzo 2008 sarà pubblicato Bette Davis, entrambi per Frassinelli
 
sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più
post pubblicato in Politica, il 10 giugno 2011


La rete suggerisce questo paragone: per me è un po' grosso ma le dinamiche sono le stesse... soprattutto dopo i dati di share di oggi (30% ad Annozero).

E voi che ne pensate?




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Annozero Michele Santoro Il quinto potere

permalink | inviato da kaddo il 10/6/2011 alle 12:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Cordoglio profondo per Vittorio Arrigoni
post pubblicato in Diario, il 15 aprile 2011


Sono triste...

stanotte non dormivo: mi alzo, accendo la TV e metto su Rainews e leggo... quello che non avrei voluto leggere... "TROVATO IL CORPO DI VITTORIO ARRIGONI".

E lo sgomento, la rabbia, il dolore mi assalgono...

fanno vedere un filmato... questo





e mi colpiscono queste parole...

"Restiamo umani è l'adagio con cui firmavo i miei pezzi per il manifesto e per il blog ed è un invito a ricordarsi della natura dell'uomo, io non credo nei confini nelle barriere, nelle bandiere.Credo che apparteniamo tutti, indipendentemente dalle latitudini e dalle longitudini, alla stessa famiglia che è la famiglia umana"

grazie della lezione di pacifismo e nonviolenza

Grazie Vittorio

Lampedusa, la vetrina elettorale della Lega.
post pubblicato in Politica, il 2 aprile 2011


Le elezioni amministrative si avvicinano e nel lanciare la propria campagna elettorale la Lega non si fa scrupoli a giocarla sulla pelle dei migranti. E’ sotto gli occhi di tutto il mondo l’indecenza e la disumanità con cui lo Stato italiano sta gestendo il flusso dei migranti. Un flusso un po’ più elevato del solito a causa deli cambiamenti che stanno ridisegnando la cartina geopolitica del

 

Nord Africa, ma non biblico come affermato dal Ministro dell’Interno e uomo di punta del Carroccio Roberto Maroni.

Ebbene la inettitudine di questa persona nel gestire gli arrivi può far precipitare tranquillamente l’Italia in fondo alla lista degli “Stati falliti”. L’isola di Lampedusa è stata trasformata in un gigantesco lager a cielo aperto, con più di 5000 persone - da alcuni definiti clandestini, anche se tuttora non riesco a comprendere il significato di questa parola che forse ha come unico scopo quello di svuotare di significato umano le persone ed equipararle allo stesso livello delle scorie radioattive che nessuno vuole accollarsi – costrette a dormire all’addiaccio, con poco cibo, senza potersi lavare, insomma deprivandole dei più elementari diritti umani sanciti nella nostra Costituzione e negli strumenti internazionali. Sono stati tenuti per giorni in queste condizioni forse nella speranza (del Ministro) di fomentare disordini e violenze per poter intervenire duramente e strappare gli applausi dei suoi elettori. Sfortunatamente per lui non ha fatto i conti con la dignità e l’educazione delle persone giunte a Lampedusa che invece hanno sopportato umiliazioni terribili e si sono limitate ad aspettare di essere trasferiti sul continente europeo. Naturalmente con il passare delle ore ed il deteriorarsi delle condizioni igienico sanitarie le proteste iniziano ad esplodere, anche per via del piano di “evacuazione” promesso dal governo che va al rallentatore.

Lampedusa è stata fatta diventare un’enorme vetrina elettorale, che ha potuto trasmettere in fretta - ad un elettorato disinformato e succube delle “stronzate” (perdonate il linguaggio) che vengono continuamente propagandate in maniera vergognosa dai TG e da gran parte dei quotidiani - una sorta di sindrome da accerchiamento dove sembrano essere milioni i migranti che premono alle frontiere italiane, mentre invece sono poche migliaia.

E che fine ha fatto il piano messo a punto dal Ministro Maroni per far fronte all’emergenze individuata già più di un mese e mezzo fa? Non ha fatto nulla fino ad ora e gli effetti si vedono. Ai vigili del fuoco e non alla protezione civile è toccato l’ingrato compito di montare (e smontare) in fretta e furia le tendopoli destinate ad ospitare i migranti tunisini. Il perché è presto detto, il comandante nazionale dei vigili del fuoco è molto vicino alla Lega. Fatto sta che i suoi poveri sottoposti sono stati risucchiati in una fantozziana commedia fatta di ordini, contrordini e smentite.

E poi a cosa servono le tende scusate? Molte regioni si sono rifiutate di ospitare la loro quota di migranti perché non condividono assolutamente la necessità di attrezzare degli enormi campi profughi in condizioni precari. Diversi presidenti hanno risposto picche al governo ed hanno detto “li accogliamo e li gestiamo noi in modo umano”. Fa un po’ ridere che un grande Paese come l’Italia non sia in grado di accogliere qualche migliaia di migranti. Che poi occorra che anche l’Europa si faccia carico di questa responsabilità mi sembra un’ovvietà. Fornire a chi arriva un po’ di solidarietà è un imperativo che ci arriva direttamente da un passato non troppo lontano.  Allo stesso modo l’Europa intera si deve adoperare per avviare economie virtuose e screve da disuguaglianza nei Paesi Africani. Ciò farà si che molte persone non siano costrette, per costruirsi un futuro, a rischiare la vita (e spesso perderla) attraversando il Mediterraneo. Questa questione deve essere posta dall’Italia con determinazione all’ordine del giorni dei lavori europei. Purtroppo in questo momento il prestigio e la credibilità del governo italiano naviga tra la suola delle scarpe ed il pavimento, ed in ogni caso come vediamo non è una priorità di questo governo.

Perché questo è un governo che si alimenta della guerra dei poveri contro i poveri. I discorsi che sentiamo in giro sfiorano vette toccate solo dal nazismo proprio perché gran parte degli italiani non vede aldilà del proprio naso e preferisce prendersela con i più deboli piuttosto che nei confronti di un governo inetto che invece di creare posti di lavori li taglia in tutti i settori (basti vedere i recenti tagli al solare), aumenta le accise sulla benzina per foraggiare una guerra inutile dannosa ed incivile e persegue una politica classista atta a proteggere corporazioni e ad aumentare le diseguaglianza (anche generazionali).

Abbiamo un presidente del consiglio che pochi anni fa versava lacrime quando i migranti albanesi venivano respinti dall’Itala, e che è andato due anni fa in una trasmissione di una TV tunisina (di cui è socio, ma guarda un po’!) a fornire alla popolazione un’idea dell’Italia che non corrisponde assolutamente alla realtà. Ha assicurato i tunisini che li avremo accolti, gli avremo dato un lavoro, una casa, la salute e l’istruzione. Sfortunatamente ora non sono più i benvenuti, miracoli della televisione.

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. migranti lampedusa Lega Maroni

permalink | inviato da Malatesta85 il 2/4/2011 alle 23:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Politica ed informazione italiana... sorde
post pubblicato in Politica, il 16 marzo 2011




La cosa che mi spinge a scrivere questo articolo è stata la notizia, appresa per caso, dello stato di mobilitazione delle persone sorde: mi sono messo quindi a cercare sui siti dei maggiori quotidiani nazionali ma non ho trovato niente di interessante e/o importante.


Alla "sordità" dell'informazione italiana voglio, nel mio piccolo, sopperire con questo breve escursus sulla problematica.

Utilizzando quindi parte del discorso tenuto al Senato della Repubblica dal Sen. Oskar Peterlini (che trovate qui insieme ad un'ampia documentazione) vorrei un po' venire a capo della questione.

"La LIS è la lingua visivo-gestuale adoperata dalle comunità dei sordi in Italia. Essa ha una struttura assai diversa dalla lingua italiana (parlata) dato che, nel corso della storia, sordi ed udenti non sono stati molto in contatto.
    La LIS, come le altre lingue segnate, non è dunque una pantomima con segni prodotti a caso come molte persone pensano, bensì è una lingua vera e propria con una sua grammatica. Analogamente a quanto avviene per le lingue vocali, ogni nazione ha una propria lingua dei segni, con ulteriori varietà regionali e addirittura con qualche differenza lessicale nell’ambito della stessa città, dovuta a quanto ancora sopravvive delle diversità linguistiche un tempo esistenti tra i vari istituti per sordi.
    I sordi in Italia sono oltre 70.000, includendo in questa cifra sia coloro che sono nati sordi o che sono diventati sordi nei primi anni di vita (e quindi non hanno potuto acquisire il linguaggio parlato come bambini udenti, a causa della sordità), sia le persone che sono diventate sorde dopo aver appreso il linguaggio parlato. Specie per i primi, i cosiddetti «sordomuti», che possono imparare la lingua parlata solo dopo un iter di riabilitazione, nasce la necessità di uno strumento quale la LIS, con una propria specificità morfologica, sintattica e lessicale.
    In Europa la lingua dei segni ha avuto un riconoscimento al più alto livello con due risoluzioni del Parlamento europeo, del 17 giugno 1988 e del 18 novembre 1998, relative appunto alla lingua dei segni dei sordi e con la risoluzione dell’Unesco resa a Salamanca nel giugno 1994. I sordi utilizzano figure professionali quali l’interprete LIS e gli operatori (per esempio gli assistenti alla comunicazione) garantendo attraverso l’uso della LIS risultati ottimali per la formazione di soggetti affetti da sordità.
    L’Unione europea dei sordi (European Union of the Deaf), con sede in Bruxelles, creata nel 1985, e che rappresenta attualmente le associazioni di ventiquattro Stati membri dell’Unione europea (Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Regno unito, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria) ha più volte sollecitato, con atti formali, tutti gli Stati membri dell’Unione europea ad accettare legalmente la lingua dei segni di ciascun Paese nell’ambito della struttura della Carta europea delle lingue minoritarie.
    La lingua dei segni rappresenta una forma di integrazione dei non udenti nella società degli udenti a condizioni per loro eque. Proprio per rafforzare la protezione e promozione dei diritti umani delle persone con disabilità e per abbattere la barriera della comunicazione quale forma di emarginazione, sembra quindi giunto il momento per l’Italia di dare alla LIS pieno riconoscimento, equiparandola ad una qualsiasi lingua di minoranza linguistica.
È in questo senso che la LIS deve essere per noi considerata «lingua non territoriale» della comunità dei sordi, equiparando tale definizione a quella della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie, fatta a Strasburgo il 5 novembre 1992, articolo 1, lettera c)."

Qual'è il problema? da questo discorso non si è fatto nulla: il passato Governo Prodi è arrivato alla fine dell'iter legislativo, ma la sua caduta ha impedito che la legge fosse approvata.

L'attuale Governo è rimasto a lungo "sordo" alle sollecitazioni della comunità dei sordi e degli interpreti LIS, tanto da promettere a più riprese un intervento legislativo mai arrivato.

I sordi pian piano cercano di prendere in mano la situazione e il 14 ottobre scorso hanno organizzato un sit-in per chiedere il riconoscimento di questa lingua.

Ed arriviamo ad oggi: l'Ente Nazionale Sordi (ENS) emana questo comunicato stampa

"L’Ente Nazionale Sordi Onlus annuncia lo stato di agitazione per la mancata approvazione del Disegno di Legge sul riconoscimento della Lingua dei Segni, di nuovo impantanato in I Commissione Affari Costituzionali del Senato in sede deliberante, dopo quasi un anno di attesa in Commissione Bilancio.

A comunicarlo è il Presidente Nazionale ENS Ida Collu, che teme che l’inspiegabile nuovo stop dell’iter legislativo del provvedimento, proprio quando la Commissione Bilancio si era espressa positivamente sul testo e sugli emendamenti, nasconda il tentativo di rimettere in discussione il contenuto del provvedimento proprio quando si attende soltanto il voto.“Non c’è più tempo”, aggiunge Ida Collu, “per modificare un testo su cui si sono già tenute audizioni, che ha già cambiato tre volte versione e che ha finalmente ricevuto il via libera dalla Commissione Bilancio”.Qualsiasi modifica al testo attuale, oltre quella indicata dalla Commissione Bilancio, non avrebbe altro effetto che snaturare il provvedimento, regalando ai sordi italiani, dopo oltre vent’anni di attesa, una legge beffa.

“Chiediamo soltanto”, conclude Ida Collu, “che la Repubblica riconosca la Lingua dei Segni senza “se” e senza “ma”, così come previsto dall’art. 21 della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità che il nostro Paese si è impegnato ad attuare ratificandole con la legge 3 marzo 2009 n. 18”."


allora la mia domanda è: chi è il vero sordo in tutta questa faccenda?





Riferimenti normativi

Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità. Artt. 2, 9, 21, 24 e 30 (Lingua dei Segni).

Legge 3 marzo 2009, n.18. Ratifica ed esecuzione della Convenzione ONU.

Unione Europea 19.11.2010: 160 associazioni firmano la Dichiarazione sulle Lingue dei segni

Risoluzioni dell'Unione Europea sulla Lingua dei Segni (1988 e 1998)

Il nucleare in Italia? 10 buoni motivi per dire No
post pubblicato in Politica, il 14 marzo 2011


La tragedia giapponese riporta il tema del nucleare al centro del dibattito politico. E mentre ci avviciniamo al referendum di giugno, gli italiani cominciano a parlarne. Criticamente. Ecco dieci buoni motivi per essere antinucleari.

1. Il nucleare è molto pericoloso
La tragedia di Cernobyl ha dimostrato la pericolosità di questa fonte di energia. Quell’incidente ha causato e causerà ancora nel futuro centinaia di migliaia di vittime e ancora oggi, a 23 anni di distanza, le ricerche scientifiche mostrano ancora impatti sia sulla flora che sulla fauna. Cresce l’evidenza di leucemie infantili nelle aree vicino alle centrali nucleari.

2. Il nucleare è la fonte di energia più sporca
Le centrali nucleari generano scorie radioattive. Le scorie a vita media rimangono radioattive da 200 a 300 anni, le scorie a vita lunga anche miliardi di anni e non esiste ancora un sistema per la gestione in sicurezza delle scorie nel lungo periodo.

3. Il nucleare è la fonte di energia che genera meno occupazione
Gli obiettivi europei per le fonti rinnovabili e l’efficienza energetica al 2020 valgono il triplo del piano nucleare di Enel in termini energetici e creerebbero almeno 200 mila nuovi posti di lavoro “verdi” e dunque 10-15 volte l’occupazione indotta dal nucleare.

4. Il nucleare è troppo costoso
Secondo il Dipartimento USA dell’energia un EPR costa, in euro, 7,5 miliardi, una cifra ben maggiore rispetto a quanto propagandato da Enel e governo (4,5 miliardi). Se poi teniamo conto dello smaltimento delle scorie e dello smantellamento e bonifica degli impianti nucleari, i costi per noi e le future generazioni saranno ancora più elevati.

5. Il nucleare non è necessario
Entro il 2020 le fonti rinnovabili, insieme a misure di efficienza energetica, sono in grado di produrre quasi 150 miliardi di kilowattora, circa tre volte l’obiettivo di Enel sul nucleare, tagliando drasticamente le emissioni di CO2.

6. Il nucleare è una falsa soluzione per il clima
Il nucleare è una scelta inutile ai fini climatici, visto che le centrali saranno pronte certamente dopo il 2020 e invece bisogna ridurre oggi le emissioni di gas serra. Investire sul nucleare sottrae risorse alle fonti davvero pulite, efficienza energetica e rinnovabili.

7. Il nucleare non genera indipendenza energetica
Se il nucleare dovesse tornare in Italia, continueremo a importare petrolio per i trasporti e diventeremo dipendenti dall’estero per l’Uranio e per la tecnologia, visto che il nuovo reattore EPR è un brevetto francese.
E, comunque, la Francia leader del nucleare ha consumi procapite di petrolio superiori a quelli italiani.

8. Il nucleare è una risorsa limitata
L’Uranio è una risorsa molto limitata destinata a esaurirsi in poche decine di anni. Nel caso venissero costruiti nuove centrali, l’esaurimento delle risorse di Uranio si accelererebbe.

9. Il nucleare non ha il sostegno dei cittadini
Gli italiani hanno detto NO al nucleare con un’importante scelta referendaria. Oggi i sondaggi di opinione rivelano che la maggior parte dei cittadini non vuole una centrale nucleare nella propria Regione.

10. Il nucleare: più è lontano e minori sono i rischi
Alcuni sostengono che il rischio nucleare c’è già, essendo l’Italia circondata da reattori. È una affermazione scorretta: anche se non è mai nullo, il rischio per le conseguenze di un incidente diminuisce maggiore è la distanza dalla centrale. Le Alpi, come si è visto nel caso di Cernobyl, sono una parziale barriera naturale per l’Italia.

RICORDIAMO CHE PER DIRE NO AL REFERENDUM OCCORRE SEGNARE IL SÌ


(fonte http://violapost.wordpress.com/2011/03/14/il-nucleare-in-italia-10-buoni-motivi-per-dire-no/)


Aggiornamento:
ecco la mappa delle probabili centrali nucleari sovrapposta alla mappa sismica dell'Italia:



Acqua bene pubblico, acqua diritto umano!!!
post pubblicato in Politica, il 27 febbraio 2011




Ecco perché Frattini tentenna...
post pubblicato in Politica, il 21 febbraio 2011


Gli scontri in Libia sono forti: almeno 300 morti a Bengasi, assalto ai palazzi governativi a Tripoli, repressione forte da parte del governo libico (un'ottimo articolo che spiega la situazione lo trovate qui)

e Frattini? il silenzio assordante da parte della diplomazia italiana non è solo frutto di interessi economici legati ai rifornimenti energetici; non è legato all'amicizia col nostro Primo Ministro (o almeno non solo) ma al fatto che ad uccidere i libici ci sono le NOSTRE armi!!!

Come un piccolo Wikileaks vi posto il comunicato stampa dell'Archivio Disarmo che vi potrà dare un'ottica sulle nostre esportazioni armamentali verso la Libia...




COMUNICATO STAMPA


Mentre continuano a pervenire dalla Libia drammatiche notizie sulla violenta repressione ad opera del regime, appare utile ricordare che Tripoli è un partner commerciale importante per l’Italia anche nel settore militare. Infatti in questo paese è diretto circa il 2% delle esportazioni totali dell’Italia, ponendosi come l’undicesimo paese importatore delle armi italiane.

Tra l’altro, dopo un leggero calo tra il 2005 e il 2007, nel 2008 il valore delle spese militari libiche ha ricominciato a crescere, raggiungendo la cifra di 1,1 miliardi di dollari nel 2008, aprendo quindi prospettive interessanti alle esportazioni di armi.

In base ai Rapporti del Presidente del Consiglio dei Ministri sui lineamenti di politica del Governo in materia di esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento, il valore delle esportazioni di armi italiane alla Libia è in costante crescita a partire dal 2006, anno in cui riprendono i flussi commerciali tra i due Stati. Le autorizzazioni alle esportazioni italiane in Libia per il 2009 sono state pari a circa 111,8 milioni di euro, in aumento rispetto ai 93 milioni circa del 2008 (in particolare bombe, siluri, eazzi, aeromobili e apparecchiature elettroniche).


E’ utile ricordare che negli ultimi dieci anni diversi sono stati gli accordi stipulati con il regime di Gheddafi:


  • La Agusta Westlands, una società del Gruppo Finmeccanica, ha venduto 10 elicotteri AW109E Power tra il 2006 e il 2009, per un valore di circa 80 milioni di euro. L’azienda, inoltre, afferma di avere venduto quasi 20 elicotteri negli ultimi anni, tra cui l’aereo monorotore AW119K per le missioni mediche di emergenza e il bimotore medio AW139 per le attività di sicurezza generale.


  • Joint-venture: la Libyan Italian Advanced Technology Company (LIATEC), posseduta al 50% dalla Libyan Company for Aviation Industry, al 25% da Finmeccanica e al 25% da Agusta Westlands. LIATEC offre servizi di manutenzione e addestramento degli equipaggi dei velivoli AW119K, AW109 e AW139, tra cui servizio di assistenza tecnica, revisioni e fornitura di pezzi diricambio.


  • Nel gennaio 2008 Alenia Aeronautica, un’altra società del Gruppo, ha firmato un accordo con la Libia per la fornitura di un ATR-42MP Surveyor, un velivolo adibito al pattugliamento marittimo. Inoltre, nel contratto, del valore di 31 milioni di euro, sono compresi l’addestramento dei piloti, degli operatori di sistema, supporto logistico e parti di ricambio.


  • Itas srl, una società di La Spezia (secondo il Servizio Studi - Dipartimento affari esteri della Camera, doc.140-21/05/2010) cura il controllo tecnico e la manutenzione dei missili Otomat, acquistati a partire degli anni Settanta dal governo di Tripoli. L’Otomat è un missile a lunga gittata antinave.


  • A seguito degli accordi contenuti nel Trattato di Bengasi, nel maggio 2009, la Guardia di Finanza ha proceduto alla consegna delle prime tre motovedette alla Marina libica per il pattugliamento nel Mar Mediterraneo, seguite nel febbraio 2010 da altre tre imbarcazioni (da una di queste sono state sparate raffiche di mitragliatrice contro un peschereccio italiano nel 2010).


La Finmeccanica ha stipulato accordi con società libiche:

  • Nel 2009 ha firmato un Memorandum of Understanding per la promozione di attività di cooperazione strategica con la LIA (Libyan Investment Authority) e con la LAP (la Libya Africa Investment Portfolio).


  • SELEX Sistemi Integrati, società del Gruppo Finmeccanica, ha firmato nell’ottobre 2009 un accordo del valore di 300 milioni di euro per la realizzazione di un grande sistema di protezione e sicurezza dei confini.


Solo ora, di fronte alla rivolta popolare che si sta diffondendo nei paesi nordafricani, si scopre che questi regimi sono illiberali, mentre i governi occidentali li hanno appoggiati a lungo, fornendo armamenti in cambio di materie prime e opportunamente “distraendosi” sui temi fondamentali del rispetto dei diritti umani e delle elementari libertà civili conculcate in questi paesi, come nel caso libico.



Prof. Maurizio Simoncelli

Vicepresidente dell’Istituto di ricerche internazionali Archivio Disarmo



Roma 21 febbraio 2011


Sfoglia giugno       
calendario
adv