.
Annunci online

un gruppo di amici... di tutto di più... e di tutto un po' :-D
Libia, crimini e corti
post pubblicato in Politica, il 29 giugno 2011


La notizia di questi giorni è il mandato di cattura spiccato dalla Corte Penale Internazionale contro Gheddafi... ma vediamo perché:

uno spaccato dei crimini dei libici ce lo da questo filmato di Report, ritrasmesso da Rainews



a seguito di questi e di altri episodi la CPI spicca un mandato di cattura per crimini contro l'umanità


Solo 4 mesi fa, la richiesta mondiale di giustizia per i crimini commessi in Libia e il Consiglio di Sicurezza dell'ONU all'unanimità hanno richiesto l'intervento della Corte Penale Internazionale. Ieri, la Corte ha trasmesso la sua prima decisione, spiccando mandati di arresto per Muhammar Gheddafi, il figlio Saif Al-Islam Gheddafi e Abdullah Al Senussi per aver ucciso civili sulle strade e per le vaste persecuzioni nei confronti dei dissidenti nelle loro case e per crimini contro l'umanità. I Giudici considerano che questi debbano essere arrestati per prevenire questi dall'uso dei loro poteri nel continuare la commissione di tali crimini.


Questa è la vera reazione della comunità internazionale e su questo si dovrebbe lavorare, non con i bombardamenti che per forza di cose si riperquotono soprattutto sui civili...

Auspico, personalmente, che sempre più e sempre più Paesi percorrano la strada della giustizia invece della strada della forza.
Babel
post pubblicato in Poesia, il 3 febbraio 2011


Ciao a tutti,

oggi ho riscoperto questa vecchia canzone dei Radiodervish con Caparezza... è una poesia contemporanea che ci fa riflettere sugli orrori della guerra, di tutte le guerre!!!

eccola
(con il testo tradotto)




Musica: Michele Lobaccaro –Nabil Salameh- Alessandro Pipino- Michele Salvemini
Testo: Nabil Salameh – Michele Lobaccaro –Michele Salvemini

Vedi amore mio
Hanno rubato la luce del cielo
Il mio esilio
E’ questa terra
Ormai senza pietà

Se fossi vento
traccerei un sentiero
Che porta alla primavera
Tace Sheherezade
Infinita nostalgia

Rabbia
Di sabbia d’Arabia in gabbia
Chi comanda non cambia
Ti tenderà una mano ma che sanguina
Mette i suoi uomini
Nella sala comandi ma
Se vuole il cuore tu non lasciare che l’abbia

Prendilo per i capelli
Rendi i ribelli fratelli
Butta i granelli negli occhi
Dei satelliti
Meriti più della faccia finta più
Della gente tinta che
Continua a dire troppe falsità su di te

La sera è rimasta senza le stelle
E’ tempo degli dei del ferro
Gli angeli hanno abbandonato la terra
Smisurato silenzio

Gioisca colui che riesce a vedere la luce nell’oscurità
E toccare l’alba nelle gocce di rugiada
Gioisca colui che desidera ancora dal cielo
Un varco per la speranza

E non rimangono che nuvole di polvere
Cumuli di colpe che un golpe si fanno assolvere
Il vento soffia dall’ovest e già diffonde
Le solite menzogne che sparano dal fronte

Chi sta lontano distratto
Da uno schermo che è piatto
D’un tratto non sa che rispondere
Ma chi è civile ci vive tra le bombe
Crollano le forze aumentano le collere

La sera è rimasta senza le stelle
E’ tempo degli dei del ferro
Gli angeli hanno abbandonato la terra
Smisurato silenzio

Gioisca colui che riesce a vedere la luce nell’oscurità
E toccare l’alba nelle gocce di rugiada
Gioisca colui che desidera ancora dal cielo
Un varco per la speranza


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. caparezza guerra musica radiodervish

permalink | inviato da kaddo il 3/2/2011 alle 17:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia aprile        febbraio
calendario
adv