.
Annunci online

un gruppo di amici... di tutto di più... e di tutto un po' :-D
A' Livella - Totò
post pubblicato in Poesia, il 25 febbraio 2012


Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella 
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia totò a' livella

permalink | inviato da kaddo il 25/2/2012 alle 9:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Babel
post pubblicato in Poesia, il 3 febbraio 2011


Ciao a tutti,

oggi ho riscoperto questa vecchia canzone dei Radiodervish con Caparezza... è una poesia contemporanea che ci fa riflettere sugli orrori della guerra, di tutte le guerre!!!

eccola
(con il testo tradotto)




Musica: Michele Lobaccaro –Nabil Salameh- Alessandro Pipino- Michele Salvemini
Testo: Nabil Salameh – Michele Lobaccaro –Michele Salvemini

Vedi amore mio
Hanno rubato la luce del cielo
Il mio esilio
E’ questa terra
Ormai senza pietà

Se fossi vento
traccerei un sentiero
Che porta alla primavera
Tace Sheherezade
Infinita nostalgia

Rabbia
Di sabbia d’Arabia in gabbia
Chi comanda non cambia
Ti tenderà una mano ma che sanguina
Mette i suoi uomini
Nella sala comandi ma
Se vuole il cuore tu non lasciare che l’abbia

Prendilo per i capelli
Rendi i ribelli fratelli
Butta i granelli negli occhi
Dei satelliti
Meriti più della faccia finta più
Della gente tinta che
Continua a dire troppe falsità su di te

La sera è rimasta senza le stelle
E’ tempo degli dei del ferro
Gli angeli hanno abbandonato la terra
Smisurato silenzio

Gioisca colui che riesce a vedere la luce nell’oscurità
E toccare l’alba nelle gocce di rugiada
Gioisca colui che desidera ancora dal cielo
Un varco per la speranza

E non rimangono che nuvole di polvere
Cumuli di colpe che un golpe si fanno assolvere
Il vento soffia dall’ovest e già diffonde
Le solite menzogne che sparano dal fronte

Chi sta lontano distratto
Da uno schermo che è piatto
D’un tratto non sa che rispondere
Ma chi è civile ci vive tra le bombe
Crollano le forze aumentano le collere

La sera è rimasta senza le stelle
E’ tempo degli dei del ferro
Gli angeli hanno abbandonato la terra
Smisurato silenzio

Gioisca colui che riesce a vedere la luce nell’oscurità
E toccare l’alba nelle gocce di rugiada
Gioisca colui che desidera ancora dal cielo
Un varco per la speranza


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. caparezza guerra musica radiodervish

permalink | inviato da kaddo il 3/2/2011 alle 17:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Per non dimenticare Gaza
post pubblicato in Poesia, il 13 febbraio 2009


Il mio amico Dorian mi ha mandato questa bellissima poesia... volevo condividerla con tutti...
Aldilà della religiosità di ognuno di noi, mi pareva davvero importante pubblicarla!!!

Buona Lettura

Sfidando, dichiariamo: Il nostro Cristo è  nato di nuovo     

di William Nassar

    

Sfidando, dichiariamo: Il nostro Cristo è nato di nuovo     
Andate e annunciate all'America, a "Israele", a Hosni Mubarak, a Mahmud Abbas e soprattutto alle bande di al-Dahlan e ai sacerdoti del sangue in ogni nazione e con tutta la forza della vostra gola     
Il nostro Cristo è nato di nuovo     
Il nostro Cristo è nato     
Scagliate la notizia e tornate...     
L'annuncio esploderà tra le loro fila e si innalzerà il clamore    
 Faranno una dichiarazione in nome delle Nazioni Unite per smentire la notizia come se fosse il frutto di un complotto, diranno che l'annunciato Gesù Cristo è stato crocifisso duemila anni fa ed è asceso in cielo.     Convocheranno una riunione dei suoi eredi e di coloro che detengono il suo lascito negandone la nascita, la classificheranno come un gesto arbitrario, improvvisato, irresponsabile, opera di un'istigazione dall'estero.     Ma voi... siate certi che avete vinto sul mondo, e che è nato il nostro Cristo, anche se hanno sigillato la sua tomba e le hanno messo davanti una guardia della Hagana e di Forza 17 addestrata dagli americani, e hanno messo il cavallo di Frisia a ogni incrocio che vi porta.     
Ma l'uomo palestinese, abbronzato, di Betlemme, lo sposo di Nazaret, è nato avvolto nella gloria e nell'ira... cinto di bombe, attorno a lui tutti i sospettati e gli stranieri e i profughi e i figli della ristrettezza.     
Non siate sorpresi, nulla in lui è cambiato!    
E' ancora un cananeo palestinese puro, fomenta la rivolta e mangia con le mani senza forchetta o coltello.     E' ancora umile fin nelle ossa, e si adira se vede un ventre troppo sazio, o se qualcuno davanti a lui parla in una lingua che non sia l'arabo.     
Gli abbiamo fatto vedere i piani della resistenza e lui si è detto d'accordo, e  ci ha invitati a metterli presto in pratica.     
Ha aggiunto che le voci sul suo pacifismo e sul suo carattere mite sono menzogne e falsificazioni di tutta la sua storia politica, e ha voluto recitarci alcuni dei suoi discorsi di istigazione alla rivolta in Palestina.     Gli abbiamo chiesto di Yahya 'Ayyash e di Imad 'Aql, di Wadi' Haddad e di Abu 'Ali Mustafa, di Jamal 'Abd al-Nassir, di Yasir 'Arafat, di 'Abdul 'Aziz al-Rantisi e di tutti i nostri amati martiri...     
Ci ha detto che lui li ha fatti risorgere con la sua nascita e che nessuno è più prigioniero della morte tra coloro che sono rimasti fermamente attaccati alla terra.     
Restano da conoscere alcune istruzioni, che ha rilasciato nel suo incarico di comandante supremo della resistenza.     
Primo - io sono Gesù Cristo, la verità e la vita e la luce, affermo che non sono re solo dei cristiani, ma sono apparso per tutti i poveri che vengono da me per posare i loro pesi. Tutti i massacrati, gli scacciati, i profughi e gli espulsi sono miei compagni, e tutti coloro che invocano la giustizia sono miei fratelli e compagni lungo il sentiero.     
Secondo - i cristiani devono uscire dalle chiese e andare nelle trincee di coloro che hanno sete di libertà e di verità e di luce sfavillante, e da oggi in poi non è più permessa la preghiera dentro i muri delle chiese.     Pregate e cantate inni al Signore mentre resistete e rendete vero il sogno, e donategli la vita e il sangue.     Terzo - non sono nato per portare la pace, sono arrivato per portare la spada. Continuate a lottare, e mettete a tacere coloro che si riempiono la bocca di amore e di pace, ché loro sono i figli della notte e dell'odio e della sete di sangue.     
Quarto - non resterò a lungo tra i vostri ranghi, presto entrerò nei battaglioni di 'Izz al-Din al-Qassam a Gaza, inizierò a preparare la resistenza segreta in Palestina. E io inizio e finisco esule dalla mia patria, e un compagno segreto nelle schiere della liberazione.     
Non tenete nascosta la notizia, annunciate che è sorto il più grande nemico dell'America e di "Israele" e di chi fa loro da coda, da Mahmud 'Abbas fino ad al-Dahlan e il più potente dei re, per quanto possa diventare rosso dall'ira e agitarsi.     
E' nato il nostro Cristo, il Cristo degli arabi, musulmani e cristiani.     
Benvenuto, vecchio fratello e compagno nel jihad.     
Ti innalzeremo sulle nostre fronti con lode e gloria, e li inchioderemo sul legno come ladri e figli di serpenti.

     
Il mio amico Dorian ha scoperto questo testo grazie a una traduzione in inglese da Adib S. Kawar. Confrontando la traduzione con l'originale, però, ha preferito fare una traduzione nuova direttamente dall'arabo. 

Miguel Martinez Miguel Martinez è membro di Tlaxcala, la rete di traduttori per la diversità linguistica. Questi articoli sono liberamente riproducibili, a condizione di rispettarne l'integrità e di menzionarne gli autori e la fonte. Fonte:http://kelebek.splinder.com/post/19749607/Il+nostro+Cristo+%C3%A8+nato#19749607

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gaza Israele Palestina

permalink | inviato da kaddo il 13/2/2009 alle 19:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Poesia per Gaza
post pubblicato in Poesia, il 14 gennaio 2009


  PIETRO INGRAO
                                                    PER GAZA

Guarda:
  
vedi come ostinate
tornano dal cielo le bombe fiorenti, e furenti
calano sulle strade,
spezzano corpi,
ardono case, testarde inseguono
gli stupiti fanciulli,
gridano
cantano l'inno alla morte
senza stancarsi mai...
   chi siete,
perchè illumninate le notti,
insanguinate le vie:
   perchè siete in ansia
perchè vi serve la strage degli innocenti
e forse disperate sull'esistere
tornate a cantare la gloria
dell'uccidere di massa,
affidate la pace alla morte...Voi
così senza speranza
se soltanto
l'assassionio di massa può assicurarvi la vita
e solo le maledizioni e le lacrime
possono difendervi.
E non vedete, non sperate
altra salvezza
per l'uomo e per il figlio dell'uomo
che la morte corale.
Voi che venite da un cammino di lagrime
e ora senza lume di tregua
seminate nuovo pianto innocente.
Da lontano
Vi scrutiamo impotenti:
e null'altro sappiamo
che invocare da voi l'elemosina della pace.
Noi che veniamo da lotte di secoli
condotte per tutte le terre infinite di questo globo rotondo
in cui dato a noi
fu di vivere,
e sembriamo ora
solo capaci
di educarci all'indifferenza.
O scrutare allibiti.

Poesie politiche di Pablo Neruda
post pubblicato in Poesia, il 23 aprile 2008


 Salve ragazzi,
con lo spirito dell'italiano all'estero, vi mando due poesie di un grande della poesia sudamericana: Pablo Neruda



Il popolo
 

Portava il popolo le sue bandiere rosse
e tra la gente sulle pietre che calcava
io mi trovai, nel giorno strepitoso
e sulle alte canzoni della lotta.
Vidi passo a passo le sue conquiste.
Sola strada era la resistenza,
mentre isolati eran brani rotti
d'una stella, senza bocca né spicco.
Così nell'unità fatta in silenzio
erano il fuoco, il canto invincibile,
il lento passo umano sulla terra,
trasformato in profondità e battaglie.
Erano dignità che combatteva
gli antichi soprusi, e risvegliava
a sistema l'ordine delle vite,
che bussavano alle porte per prender posto
nella sala principale con le bandiere.

 

 

Inno e Ritorno
Patria, patria mia, a te rendo il mio sangue.
Ma t'imploro, come implora la madre al figlio pieno di pianto.
Accogli questa cieca chitarra
e questa fronte sperduta.Partii a cercarti figli sulla terra,
partii a soccorrere caduti col tuo nome di neve,
partii a costruire una casa col tuo legno puro,
partii a recare la tua stella agli eroi feriti.

Adesso voglio dormire nella tua sostanza.
Dammi la tua chiara notte di corde penetranti,
la tua notte di nave, la tua stellata statura.

Patria mia: voglio cambiare d'ombra.
Patria mia: voglio mutre di rosa.
Voglio allacciare il braccio alla tua esile vita
e sedermi sulle tue pietre calcinate dal mare,
per fermare il grano e osservarlo all'interno.
Io sceglierò la sottile flora del nitrato,
filerò lo stame glaciale della campana,
e guardando alla tua illustre e solitaria spuma
un ramo litorale tesserò alla tua bellezza.

Patria, patria mia,
tutta accerchiata d'acqua combattente
e di neve combattuta,
in te s'unisce l'aquila allo zolfo,
e nella tua antartica mano d'ermellino e zaffiro
una goccia di pura luce umana
risplende e incendia il cielo nemco.
Serba la tua luce, oh patria, mantieni
la tua tenace spiga di speranza
in mezzo alla paurosa aria cieca.
Nella tua remota terra è caduta tutta quest'ardua luce,
questa fatilità degli uomini,
che ti spinge a difendere un fiore misterioso,
solo, nell'immensità dell'America addormentata.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Pablo Neruda poesie politiche

permalink | inviato da kaddo il 23/4/2008 alle 9:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Si comincia: poesia kurda
post pubblicato in Poesia, il 18 marzo 2008


 

Ciao a tutti!!!

Comincio io con una poesia già pubblicata sul mio blog, spero vi piaccia... voglio commenti, soprattutto dalle ragazze :-D

E' una poesia di un popolo senza Stato: i Kurdi

Dal profondo del mio cuore



Se il chiaro delle stelle avesse un senso
Se potessi donargli un senso,
Non avresti che a guardare le stelle della notte
Per sapere quanto ti amo.

Se il mormorare del vento avesse un senso,
Se potessi donargli un senso,
Non avresti che ad ascoltare il vento della notte
Per sapere quanto ti amo.

Se il picchiare fine della pioggia avesse un senso,
Se potessi donargli un senso,
Non avresti che ad ascoltare la pioggia cadente
Per sapere quanto ti amo.

Ma se mi amassi quanto io t'amo,
Non avresti bisgono della chiara luce delle stelle,
Del mormorio del vento, del picchiettare dell'acqua
Per sapere quanto ti amo.

Perché ciacun battito del tuo cuore
sarebbe un battito del mio,
Ogni tua inspirazione ed espirazione
sarà anche la mia,
Ciancun battito di ciglia dei tuoi occhi
sarà un battito dei miei,
E ciascun tuo sospiro
sarà anche il mio.

Attualmente circa 40 milioni, i Kurdi cosituiscono per la loro importanza numerica la terza nazione del medio oriente.
Malgrado il processo di assimilazione forzata che disconosce i loro diritti sociali e culturali, i Kurdi han saputo preservare la loro lingua e proteggere la propria cultura.
E' una cultura che si nutre di migliaia di anni di storia...

Un augurio di Vita Piena




permalink | inviato da kaddo il 18/3/2008 alle 19:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sfoglia febbraio       
calendario
adv